Vittime di bullismo: come si riconoscono

Il bullismo è sicuramente un fenomeno di cui ti hanno già sentito parlare ma che purtroppo non riceve la giusta attenzione che merita. In realtà, se ne sente parlare dappertutto ma concretamente si fa ancora troppo poco. Le vittime di bullismo hanno sempre un’ età inferiore, addirittura a partire dai 10 anni. Spesso le vittime non ne parlano perché si vergognano o hanno paura che dicendolo a genitori e insegnanti la situazione con i bulli possa addirittura peggiorare. Per questa ragione, il team dell’investigatore privato a Roma si sente di offrire il servizio di controllo minore ma anche elencare alcuni dei segnali che possono E aiutare a riconoscere le vittime di bullismo.

Perdita di interesse

Ci sono comportamenti normali e frequenti nell’adolescenza che possono dare alcune informazioni in merito allo stato di salute anche psicologica un ragazzo. Nel momento in cui genitori notano dei comportamenti anomali come la perdita di interesse nelle attività che prima appassionavano, potrebbe essere un segnale chiaro di bullismo.

Se prima una ragazza andava volentieri a scuola, agli allenamenti sportivi, ai corsi di musica o altro ma ora cerca delle scuse per evitarli il più possibile, potrebbe essere colpa della presenza di compagni che prendono in giro E compiono atti di violenza sia fisica che psicologica.

Rifiuto dell’aspetto fisico

La maggior parte delle presenti in giro messe in atto dai bulli a che fare con l’orientamento sessuale, l’estrazione sociale ma soprattutto l’aspetto fisico. Per questa ragione chi è vittima di bullismo diventa sempre più insicura e rifiuta il suo aspetto fisico. I genitori possono notare comportamenti diversi a tavola come il rifiuto del cibo per perdere peso oppure le abbuffate per aumentarlo.

Purtroppo, questi comportamenti sono piuttosto frequenti nel corso dell’adolescenza e diventa quindi difficile fare un distinguo. Potrebbe essere utile interpellare un vandalo investigatore privato a Roma perché esegua un servizio di controllo minori possa approfondire quello che succede a scuola e fuori (mezzi di trasporto, attività extra scolastiche) con gli altri ragazzi.