Ami gli sport estremi? Prova la corsa nel deserto

Il Marocco è un Paese dai mille volti, fortemente legato ai suoi usi ed alle sue tradizioni millenarie, è il posto ideale per una vacanza tutta all’insegna della scoperta e del divertimento.

Le cose che si possono fare sono davvero tante, godere delle lunghe e dorate spiagge, dedicarsi agli sport acquatici, fare escursioni nella natura rigogliosa ed incontaminata e non perdere l’emozionante esperienza di trascorrere qualche giorno nel deserto.

Coloro che preferiscono gli sport estremi alle rilassanti passeggiate in groppa ad un cammello, si possono cimentare nella “Marathon des Sables”, ovvero la “Corsa nel deserto”, sicuramente la più dura e la più faticosa.

Naturalmente non è un’attività consigliata per tutti, infatti per partecipare è necessario presentare un accurato dossier medico, che comprende gli ultimi esami, nonostante la fatica sovrumana resta sempre un’esperienza unica che permette di stringere nuove amicizie e rafforza il senso di solidarietà nell’affrontare le varie difficoltà che il deserto presenta.

Ogni anno migliaia di atleti si sfidano affrontando con tappe di sette giorni, le grandi dune dell’Erg Chebbi, i letti fluviali inariditi i cosiddetti wadi o le terribili sabbie mobili, mettendo a dura prova la loro resistenza fisica, su di un percorso di ben 250 chilometri, partendo dalla città di Quarzazate, presa come base.

Con una temperatura che può raggiungere persino i 45° gradi durante il giorno e con indosso solo uno zaino con il minimo indispensabile, acqua compresa, inizia la corsa, per evitare disidratazione dovuta a colpi di calore, ogni 10 chilometri, i partecipanti possono fare una sosta e rifocillarsi nei punti di ristoro presenti lungo il tragitto.

Alla fine della lunga ed estenuante giornata gli atleti possono finalmente riposarsi nelle tende allestite dagli organizzatori, per fare un pasto caldo, un meritato riposo e ripristinare le forze per affrontare una nuova tappa.